Inciuci a 5 Stelle…

Inciuci a 5 Stelle...Personalmente non ho mai ritenuto un tabù le alleanze politiche. Ovvio che governare un Paese come il nostro, dove l’elettorato si divide tra più di due “poli” e dove il sistema maggioritario rimane una chimera, richieda l’accordo tra più soggetti. Chiamatele larghe intese o accordi, il senso non cambia ed è stupido disprezzarli con il termine di “inciuci”, intesi come accordi sottobanco per la spartizione del potere.

Vorrei far notare che tale termine entrò nella politica italiana durante gli anni Novanta, quando furono accusati di inciucio Berlusconi e D’Alema (sì, Massimo, quello di sinistra che… più sinistra non si può).

L’articolo di Ilario Lombardo pubblicato oggi su La Stampa (leggi qui) dovrebbe far aprire gli occhi ai tanti leoni da tastiera sui social che vedono i 5 Stelle come angioletti casti e puri che non si sognerebbero mai di fare accordi con qualcuno.

Ecco, sappiate che mentre voi attaccate tutti, soprattutto il PD e i suoi elettori, il vostro leader sta “tramando” per il dopo elezioni. Ciò dovrebbe farvi impazzire di rabbia. Io no, io sono sereno. Penso che questa sia la normale dialettica e diplomazia politica. La stessa che avrebbe portato i 5 Stelle al governo col PD di Bersani nel 2013, quando in uno streaming ridicolo sbatterono la porta in faccia ai democratici relegando i grillini a comparse senza arte né parte. Sono maturati? Può darsi, come si dice? Di necessità… virtù!

Cari elettori grillini, i politici per cui voterete, sappiatelo, faranno accordi con quelli brutti e cattivi che voi sognate di mandare a casa… voi continuerete a chiamarli inciuci o farete i soliti due pesi e due misure?

Comunque la pensiate (per esempio, io preferisco le intese con Casini a quelle con Di Maio), il tutto sarà nell’ordine naturale delle cose politiche. Non dovete rimanerci male o sentirvi feriti nei vostri sentimenti… angelici. È la politica, fatevene una ragione.

Chi è l'autore?

Domenico A. Di Renzo
Domenico A. Di Renzo
Nato nel giugno del 1975. Lavora nella Pubblica Amministrazione.
Ama la Politica. Sì, quella con la “P” maiuscola. Nativo del Partito Democratico. Per diversi anni Responsabile Internet e componente del Comitato Direttivo del Partito Democratico di San Clemente (Rimini).
Appassionato di musica; è autore di testi iscritto SIAE e diplomato al CET di Mogol.
Prova ad essere, nel suo piccolo, il “cambiamento che vorrebbe vedere nel mondo” (cit. Mahatma Gandhi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

I cookie aiutano Parole Democratiche a fornire servizi di qualità. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi